A.S. DILETTANTISTICA  CONI - FIJLKAM - LIBERTAS

ISAO OKANO CLUB '97

                                                                 ...dal principiante all'olimpionico
 
 

 

E-mail Stampa PDF

Che cos’è il Judo ?

Il Judo è una disciplina sportiva completa e simmetrica che ha come principio il miglior impiego dell’energia, al fine di proiettare l’avversario o di immobilizzarlo al suolo.

Chi pratica il Judo ?

La pratica del Judo è adatta e consigliata a tutte le persone , senza distinzione. Si può intraprendere in qualsiasi età a cominciare dai 5 - 6 anni e continuare fino ad età avanzata.

Dove e come si pratica ?

Il Judo si pratica su una materassina, detta in gergo giapponese “tatami”, appositamente studiata in modo da evitare traumi e contusioni. Si pratica scalzi indossando il ‘judo-gi’ che è un indumento di cotone bianco, resistente, composto da un pantalone e da una giacca chiusa da una cintura, sempre di cotone, annodata all’altezza della vita.

Perché si pratica ?

Per ottenere una migliore condizione psico-fisica incrementando, attraverso la pratica, le prestazioni atletiche nonché una più forte concentrazione, capacità decisionale, autocontrollo, convinzione nei propri mezzi e nelle proprie potenzialità. Inoltre il Judo, pur essendo uno sport individuale, ha una grandissima valenza sociale dovuta alle necessità di allenarsi con molti compagni, per affrontare situazioni sempre diverse. Tutto ciò porta ad arricchire l’esperienza del singolo in un clima di crescita generale del gruppo.

Da dove viene il Judo ?

Il Judo nasce in Giappone ad opera di Jigoro Kano che ne codificò le tecniche facendolo derivare dal Ju-Jitsu (antica arte marziale che i Samurai praticavano nel combattimento corpo a corpo ). Lo stesso Jigoro Kano fondò a Tokio nel 1882 la prima scuola di Judo che chiamò Kodokan. Da allora la sua diffusione fu inarrestabile : prima in tutte le scuole ed università del Giappone e poi, a cominciare dagli anni venti, in tutto il mondo.

I ‘ gradi ’ nel Judo.

Nel Judo ci sono diversi livelli di apprendimento che sono facilmente identificabili grazie al colore della cintura di chi lo pratica. I colori utilizzati per le cinture sono : bianco, giallo, arancione, verde, blu e marrone. La cintura nera dal 1° al 5°dan rappresenta l’esperto, mentre quella bianco-rossa i maestri dal 6° all’ 8°dan. Rossa 9° e 10°dan.

Judo e cultura.

Oltre a trasmettere importantissimi principi per lo sviluppo dell’individuo e dei rapporti interpersonali, il Judo è un mezzo molto valido per avvicinarsi e comprendere la cultura orientale che esercita sempre, su noi occidentali, un fascino particolare e desta notevoli curiosità.

Judo e agonismo.

Già negli anni ‘50 si disputarono i campionati del mondo di Judo, ma la grande valenza sportiva di questa disciplina fu sancita dall’introduzione nei Giochi Olimpici di Tokyo nel 1964. Oggi si disputano migliaia di competizioni nazionali ed internazionali ed esiste un circuito di tornei di altissimo livello a cui partecipano i migliori rappresentanti di tutte le nazioni. Le competizioni di carattere assoluto si disputano in sette categorie di peso maschili ed altrettante femminili.

 

ANTIDOPING

 Doumentazione

rif: coni.it

 



facebook